Dungeons

I Dungeons

 

 


Ruin

 

Tutto ciò che si conosce di Vaazrudh il Necromante è che probabilmente, egli non esista più nel suo corpo, ma abbia scisso il suo spirito dalla fragile carne, divenendo ciò che è conosciuto nel bestiario occulto, uno Wight. Abita le ombre della gigantesca cripta che costruì ere addietro. Da tempo immemore cultisti e seguaci di ogni genere si sono uniti nella sua non-morte. Forse come riscatto per la maledizine degli Wayun, o forse come mera sete di potere. L'essenza del Pugnale oscuro riecheggia tra gli antri oscuri della cripta di Vaazrudh, assetato di spiriti, coloro che vi si avventurano rischiano una morte molto più prematura per via del risucchio vitale che per mano delle sue insidie. La cripta di Vaazrudh, come un mantra o una preghiera celata nell'elsa del cavaliere, nasconde segreti e formule oscure.

 

 

Contempt

 

Inesorabili flussi d'acqua sbattono tra le insenatura delle rocce, limandola e consumandola. Così la malattia si insinua nel corpo delle vittime, distruggendole dall'interno, deformandola e facendola cedere. Fetore miasmi e melme nauseabonde impregnano questo antro sotterraneo, c'è chi afferma esso sia il sangue del temibile Tuoth, che scava incessantemente stanze e grotte durante il suo cammino. Muschi, piante velenose, funghi e insetti striscianti infestano le sue viscere e creature malvagie sono attratte dal fetore che si emana da queste caverne. Si dice che gli esperimenti malati di Tuoth siano ad un certo punti finiti male, trasformando la sua carne in gelatina. Così, divenuto un essere gelatinoso o melmoso, ha trovato rifugio in questo labirintico complesso di caverne. Ogni essere vivente che viene n contatto con lui si scioglie ed infine può essere digerito ed assimilato della gigantesca melma viscida che è divenuto. Un acefalo degenerato, famelico ed insaziabile, si insinua tra le insenature del suo antro, infestando di putridume tutto ciò che tocca. Le creature più malate sono attratte dal suo fetore e difendono la caverna e ignare del suo creatore, che venerano come un Dio celato nelle viscere della terra. Nella sua colossale massa viscida è possibile ancora vedere un framento del pugnale del Re pallido.

 

Corruption

 

Il sangue è la linfa della carne, un liquido vitale che scorre nelle vene dei viventi portando loro benefici. Ma quando quella linfa si corrompe ecco che tutto cambia forma. E' qui che la cieca follia di Yarus, il mago dell'Occhio ha avuto inizio. Nella sua torre rossa, stagliata nella cima di una cresta rocciosa nel deserto, si è consumato l'indicibile atto di cui Yarus si è macchiato. Assetato di sapere le sue conoscenze si sono inabissate così in profondità che ben poco della sua sanità mentale è rimasta per raccontarle. E' difficile convivere con il fardello della vera conscenza..... eh, se sapessimo come è veramente stato creato il mondo, a quali leggi inconsapevolmente obbediamo forse non staremo qui a parlarne.. Ma di certo Yarus lo sà. Egli è divenuto l'involucro di questa immonda conoscenza, racchiudendo nella sua dimora tutto il suo sapere celando all'umanità. Con il tempo lo stesso mago è divenuto l'unico che custodisce questo indicibile sapere, trasformando i suoi incubi in reali rappresentazioni, fatte di carne ed ossa. Nel cuore di se stesso, nasconde un frammento del Pugnale Oscuro.

 

Deception

 

Una volta qualcuno disse: .... la guerra è sempre stata lì sopita. In attesa del suo vero artista: L'uomo. La tomba di Quor è la dimora dell'ultimo frammento del Pugnale. Un intricato labirinto di follia e perdizione. Le sue mura ciclopiche nascondono il più oscuro dei segreti. Quale? Come il Minotauro nel labirinto, esso rappresenta la violenza della mente umana, dentro la quale esso si perde e non trova uscita. Si dimena, si dibatte, ma più si agita e meno può restare lucido per uscire salvo dal labirinto. Nel suo cuore, dove è posto il frammento del pugnale, vigila ancora Quor, il mago di ferro, che con la sua forza sottomette tutti i Draghi e Viverne all'interno di questo luogo oscuro e abbandonato.

© Legends of Aria Italia. All Rights Reserved.
Login STAFF
Free Joomla! templates by Engine Templates